Ariccia (Roma), 28 aprile 2020  – Nei momenti difficili, ognuno deve fare la propria parte e dare il proprio contributo. Con questo convincimento e per fornire un servizio concreto a supporto dell’emergenza Covid-19, Mahindra ha varato il progetto Mahindra CARE, l’iniziativa pensata per assistere la Comunità durante le emergenze, che prevede una serie di azioni a sostegno delle forze di soccorso impegnate a contrastare la diffusione del virus.

Mahindra CARE, acronimo di Community Assistance and Rescue in Emergency, nasce come un progetto permanente, che vede e vedrà impegnate come parti attive tutte le realtà Mahindra localizzate in diversi continenti, pronte a mobilitarsi simultaneamente per aiutare a fronteggiare situazioni di necessità che possono verificarsi in ogni parte del mondo.

Queste iniziative affiancano quelle già messe in atto a beneficio diretto della clientela (Estensione della Garanzia, Operatività del Service per l’Emergenza, Proroga delle Promozioni).

Nell’ambito di Mahindra CARE, Mahindra Europe – che ha sede in Italia, ha preso atto della necessità da parte di alcuni Enti, di avere ulteriori automobili per svolgere con maggiore celerità le proprie attività. Quindi ha messo a disposizione vari GOA PIK UP Plus del proprio parco veicoli a diversi Enti di Soccorso in Italia e Spagna, i due principali mercati in Europa.

Nei giorni scorsi sono stati consegnati i primi Mahindra GOA PIK UP Plus all’Associazione  Nazionale Alpini sezione di Bergamo, che assieme a tanti volontari ha allestito l’Ospedale da campo presso la Fiera di Bergamo per ospitare l’altissimo numero di malati positivi al virus. I mezzi sono in uso al Gruppo Intervento Medico Chirurgico guidato dal Direttore Logistico Generale Antonio Tonarelli e al Centro Operativo Sede Nazionale della Protezione Civile A.N.A.  coordinato da Renato Ferraris. Il primo Gruppo si occupa della logistica dei materiali da e per l’Ospedale “Papa Giovanni XXIII”, mentre il secondo delle mense e di altri servizi.  Allo stesso tempo altri veicoli  commerciali Mahindra sono stati consegnati alla Protezione Civile sezione di Malnate, in Provincia di Varese, e cambiando regione all’Ospedale “INMI Lazzaro Spallanzani” di Roma. Il Dottor Franco Lufrani, Emergency Manager e responsabile del supporto reparto Emergenza Covid-19, ne ha previsto l’utilizzo per il trasporto di materiali (dispositivi di protezione come mascherine e camici, attrezzature mediche,  eccetera) e di persone, utilissimo anche perché l’Unità di Alto Isolamento dello Spallanzani è distante dalle strutture principali dell’Istituto.

In Spagna i GOA PIK UP Plus sono stati dati al Consiglio di Sicurezza dei Cittadini (Concejalía de Seguridad Ciudadana)  del Comune di Griñón, nei pressi di Madrid, il quale attraverso la Protezione Civile e la Caritas garantisce la consegna di medicinali e generi alimentari alle persone in stato di necessità, e alla Protezione Civile del Comune di Parla, sempre vicino Madrid.

Ulteriori veicoli sono ancora in corso di assegnazione anche in altre aree, sia in Italia che in Spagna.

Per Mahindra la fornitura di questi pick-up è un modo per essere vicini alle persone non solo quando guidano, ma anche quando c’è bisogno di un aiuto. Questi Mahindra GOA PIK UP Plus, vengono utilizzati per le necessità di trasporto materiali e di mobilità degli operatori e del personale volontario, oltre che per servizi di supporto medico e di sostegno alla popolazione nelle aree più colpite dal Covid-19 (fornitura di medicinali e generi di prima necessità).

Già in passato Mahindra si era mobilitata per far fronte a situazioni di emergenza. Per citare solo un caso, era stato donato un GOA GLX al Corpo della Polizia Municipale del Comune di L’Aquila, in occasione del terremoto che colpì la città abruzzese nel 2010.

Va detto che per le sue caratteristiche di versatilità nel raggiungere qualunque luogo, e per l’eccellente rapporto qualità/prezzo, il Mahindra GOA PIK UP Plus è sempre più richiesto da enti e organizzazioni impegnati in attività di pubblico utilità. E’ in grado di soddisfare ogni esigenza e con gli allestimenti speciali estende ancora di più il suo raggio d’azione. Diventa veicolo antincendio, di pronto intervento, soccorso stradale, piattaforma di lavoro aerea e altro ancora.

Il Mahindra GOA PIK UP Plus è  robusto e affidabile ed è disponibile nelle versioni  Singola Cabina e Doppia Cabina, anche con cassone ribaltabile trilaterale,  con trazione 4×2 o 4×4, e nei due allestimenti S6 e S10. Le versioni a quattro ruote motrici con ridotte ad inserimento elettronico, consentono di affrontare ogni terreno. Il vano di carico offre uno spazio davvero ampio e facilmente accessibile, perfetto anche per carichi voluminosi e pesanti, con una portata utile che va dai 995 kg (4×4, Doppia Cabina) ai 1.195 kg (4×2, Singola Cabina). Tutto con un occhio attento alla qualità di vita a bordo e al comfort degli occupanti.

Il propulsore turbodiesel 2.2 eroga 140 CV con una coppia max di 330 Nm e garantisce a Mahindra GOA PIK UP Plus tutta la potenza necessaria per affrontare i percorsi più impegnativi, assecondato perfettamente dalla nuova trasmissione manuale a 6 rapporti.

Mahindra GOA PIK UP Plus è detraibile al 130%, oltre alla tassa di circolazione ridotta grazie all’immatricolazione N1-Autocarro.

Una delle peculiarità del marchio Mahindra, è quella del grande rispetto e della estrema vicinanza nei confronti dei propri clienti, e soprattutto fa parte della filosofia e dell’etica del brand Mahindra, riassunta nel motto Mahindra Rise, la volontà di attivarsi sempre per fare del bene.

“Rise for Good” è un invito all’azione. È quello spirito del mettersi in gioco che porta a compiere iniziative che rendono il mondo un posto migliore e la volontà di essere sempre vicino a chi si trova in situazioni di necessità. “Fare del bene” è uno scopo, un atteggiamento e uno stile di vita, anche nel modo di essere imprenditori e il Gruppo Mahindra vede un’incredibile opportunità per promuovere un cambiamento positivo nella vita di tutti.

Per affrontare il Coronavirus in India, Mahindra ha predisposto una serie di attività tra le quali ricordiamo l’utilizzo degli impianti produttivi per fabbricare ventilatori, dispositivi di protezione come mascherine chirurgiche e visiere; la destinazione dei Mahindra Holiday Resorts indiani come strutture temporanee di assistenza; la trasformazione delle mense delle fabbriche per fornire cibo ai più poveri;  le donazioni con la creazione di un fondo per assistere le realtà economiche più colpite.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata