18 dicembre 2019 –  Chi non  ricorda la serie TV “Hazzard”, che vede protagonista una Dodge Charger R/T del ‘69 di colore arancione ribattezzata “Generale Lee”, con la bandiera confederata sul tetto e il numero 01 sulle fiancate? Ebbene, quest’anno ricorrono sia il 40° Anniversario della serie, che il 50° Anniversario della Dodge usata sul set.

“Hazzard” (nome originale “The Dukes of Hazzard”) è una serie televisiva di grande successo, divenuta poi anche un film,  trasmessa in tutto il mondo tra il  1979 e il 1985. Hazzard è stata replicata anche di recente sulle reti Mediaset.

La voce del narratore della serie originale americana, è quella del notissimo cantante country Waylon Jennings (scomparso nel 2002) e racconta le gesta della famiglia Duke nella omonima contea di Hazzard, località di fantasia ubicata in Georgia, nel sud degli Stati Uniti.

I cugini Bo, Luke e Daisy assieme allo zio Jesse, aiutati dall’amico Cooter, sono i “buoni”. Osteggiati dal “cattivo” Boss Hogg, il capo della contea costantemente impegnato in affari poco puliti, con la complicità involontaria dello sceriffo Rosco P. Coltrane e dei suoi aiutanti Enos Strate e Cletus Hogg.

Una delle caratteristiche vincenti della serie è quella di dare ampio spazio agli inseguimenti in auto, con la Charger dei Duke impegnata in evoluzioni da stuntman e in lunghi salti acrobatici, il più lungo dei quali ha raggiunto gli 81 metri!

Appassionati di gare NASCAR, la categoria più popolare negli Stati Uniti, i cugini Duke disputano con la loro Dodge alcune corse locali. Infatti la particolarità della loro auto è quella di essere dotata di roll-bar e di avere le portiere saldate alla carrozzeria, proprio come da regolamento NASCAR; circostanza che li obbliga ad entrare e uscire dalla macchina attraverso i finestrini.  Il loro pilota preferito è Cale Yarborough, vincitore di tre titoli NASCAR e quattro Daytona 500 a cavallo degli anni ’70.

Tra le dotazioni del “Generale Lee”, spiccano i cerchi in lega American Racing modello Vector da 15” (di serie sono di  acciaio) e la preparazione del propulsore HEMI con diverse specifiche di potenza, cambiate nel corso della registrazione degli episodi.

Per girare le scene, sono state utilizzate oltre 300 Dodge Charger del 1969 e meno di una ventina sono le sopravvissute al duro utilizzo fatto durante le riprese.

Una fedele replica della vettura simbolo di Hazzard è quella del collezionista canturino Gianpiero Riva, che possiede una Dodge Charger del 1969 con motore stroker 360/408 CID (Cubic Inch Displacement) ovvero 6.700 cc. L’unica differenza estetica rispetto all’originale, è la presa d’aria aggiuntiva nel cofano anteriore, per “far respirare” meglio il propulsore elaborato.

Riva possiede anche una Dodge Challenger R/T Scat Pack del 2018 (6.400 cc) con cui corre sul quarto di miglio, nota specialità motoristica made in USA: ovvero 402,33 metri da percorrere in accelerazione rispettando il tempo di categoria. Quest’anno  ha ottenuto un secondo posto nella gara più importante d’Italia: la Hills Race #16 tenutasi all’Aereoporto di Rivanazzano Terme (PV), manifestazione alla quale sarà presente anche il prossimo anno.

Riva ha messo a disposizione il suo “Generale Lee” al Gruppo CAVAUTO, per effettuare il servizio fotografico con la Dodge Challenger moderna. In effetti la Challenger di oggi è proprio il modello che possiede il DNA della Charger del ’69. Infatti nel corso degli anni, la gamma Dodge ha subito variazioni e l’attuale Charger è una berlina a quattro porte super prestazionale, non più una coupé.

La Challenger invece è una delle più note “muscle car” americane: un’auto simbolo della tradizione a “stelle e strisce”. E’ la coupé sportiva al top di gamma Dodge, disponibile anche nella grintosissima versione con carrozzeria Widebody.

Ecco perché il Gruppo CAVAUTO ha voluto immortalare insieme proprio queste due auto. Entrambe caratterizzate dal logo R/T sulla calandra, di fianco al nome. Significa Road/Track ed enfatizza la versatilità sia su strada che in pista di queste automobili eccezionali.

La Challenger nasce nel 1970, e ora – alla quarta generazione – resta una delle icone “Made in USA” più apprezzate dagli appassionati di auto americane. Il suo design semplice e pulito, ma allo stesso tempo estremamente accattivante, ripropone una linea classica e “sempreverde”. Il frontale è contraddistinto dalle linee orizzontali della calandra, che ne esaltano il carattere e la forte presenza scenica su strada, unitamente ai classici fari tondi e alla presa d’aria sul cofano.

Per quanto riguarda gli interni, sulla Challenger viene privilegiato prima di tutto il comfort di guida, ma lo spazio per i passeggeri sul sedile posteriore è superiore a quello delle rivali, tanto che la vettura è omologata per con cinque persone. Stiamo parlando di una vettura lunga poco più di 5 metri, con una capacità del bagagliaio pari a 458 litri. Trasportare la famiglia non è un problema!

Per quanto riguarda i contenuti di serie, ecco alcuni esempi, in funzione delle diverse versioni: cambio automatico e sequenziale a 8 rapporti, controllo di stabilità elettronico (ESC), ABS, impianto allarme sonoro, remote Keyless, display touchscreen Uconnect 8.4” con navigatore europeo e sistema bluetooth, climatizzatore automatico bi-zona, fari bixeno con DRL a LED, fari fendinebbia, videocamera posteriore, assistenza al parcheggio posteriore gruppo audio Harman Kardon (solo versioni SRT), tetto apribile in cristallo, sedili anteriori elettrici riscaldabili e rinfrescabili, impianto frenante Brembo.

Il Gruppo CAVAUTO, è l’unico dealer ufficiale Dodge e RAM in Italia ad avere un accordo di distribuzione con tutti e tre gli importatori europei autorizzati dalla Casa madre americana, e offre l’intera gamma Dodge Challenger, oltre al line-up della Charger e del SUV Durango.

Il listino Dodge Challenger comprende ben undici versioni. Dalla Challenger SXT con motore 3.6 litri V6 Pentastar da 309 CV, alla  “cattivissima” Hellcat” 6.2 V8 da 707 CV. Passando per la Challenger R/T Plus Shaker 5.7 V8 da 381 CV e la Challenger R/T Scat Pack 6.4 V8 da 492 CV, quest’ultima con una forte connotazione racing.

Prezzi comprensivi di IVA, a partire dai 36.900,00 Euro della SXT, fino ai 90.900,00 Euro della SRT Hellcat Widebody con motore V8 sovralimentato.

Nel dettaglio, la Challenger SXT è quella che potremmo considerare “l’entry level”. La GT AWD ha la trazione integrale. Fin dalla prima versione del 1971, la Challenger R/T Plus Shaker riprende invece dentro e fuori gli stilemi vintage Dodge a cui si abbinano soluzioni tecnologiche e prestazioni d’avanguardia. Performance da circuito richiedono attenzione per ogni particolare tecnico, ma anche una personalità vincente. Per questo la Challenger R/T Scat Pack è la “muscle car” perfetta per chi non si accontenta e vuole un mezzo il cui habitat naturale sia la pista. La più estrema di tutte è comunque la Dodge Challenger SRT Hellcat, che assicura l’emozione quotidiana di poter domare una vera supercar da oltre 700 cavalli. Non a caso SRT significa “Street& Racing Technology” e identifica “performance vehicles” di eccellenza, tali da rappresentare lo stato dell’arte nella propria categoria.

Il Gruppo CAVAUTO offre per la Challenger (ad eccezione delle Hellcat) anche la versione da 250 CV, che permette di vivere pienamente una vettura di questo livello senza rinunciare alle prestazioni, con emissioni più basse e un risparmio economico importante.

Disponibile anche la versione Bifuel (benzina/GPL) di ultima generazione a iniezione diretta, che riduce i costi del carburante senza intaccare le performance. L’alimentazione a GPL consente di percorrere circa 400 km con 30 Euro di gas.

Dodge Challenger ha la garanzia europea e il soccorso stradale di 2 anni o 100.000 Km estendibile a 4 anni o 150.000 Km. Inoltre CAVAUTO offre un sistema di monitoraggio costante che segue il cliente ovunque in Europa e permette ai tecnici un intervento e un’assistenza remota immediati e tempestivi in caso di necessità.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata